Twitter icon
LinkedIn icon
YouTube icon
RSS icon

EMERGENZA CORONAVIRUS | LA RISPOSTA DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA

News

Twitter Linkedin Condividi

EMERGENZA CORONAVIRUS | LA RISPOSTA DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA

 

Il sistema Confindustria Emilia-Romagna si è attivato sin dai primi segnali di allarme dell'emergenza Coronavirus e si è organizzato per offrire risposte puntuali alle imprese associate, data la portata dell'impatto della situazione sanitaria sulle attività economiche.
 
Tutte le Confindustrie e Unioni Industriali dell’Emilia-Romagna stanno rispondendo alle richieste delle imprese, anche attraverso aree dedicate sui propri siti web per dare risposte alle numerose esigenze legate all’emergenza.
 
Confindustria Emilia-Romagna sta collaborando attivamente con la Regione nella gestione dell'emergenza per contribuire a dare soluzioni ai riflessi economici e sociali della situazione.
 
Ecco le principali uscite stampa di Confindustria Emilia-Romagna (vedi link e allegati):
- l'intervista  del Presidente Pietro Ferrari a Repubblica Bologna del 23 marzo 2020
- l'intervista al Resto del Carlino del 22 marzo 
- l'intervista al Tg Rai Emilia-Romagna del 20 marzo 
- l'intervista al Corriere Bologna e altri articoli del 20 marzo
- le dichiarazioni del Presidente Pietro Ferrari del 13 marzo 
- l'articolo del 10 marzo del Resto del Carlino
- l'intervista del Corriere di Bologna del 4 marzo
- l'intervista al Tg Rai Emilia-Romagna del 28 febbraio https://youtu.be/eO6LeI0BdzM  
 
 
-------------------
 
I Presidenti della Piccola Industria di Confindustria Emilia-Romagna Giovanni Baroni, di Confindustria Lombardia Alvise Biffi, di Confindustria Veneto Paolo Errico, d'intesa con i rispettivi Comitati regionali, hanno scritto una nota di proposte di interventi prioritari da mettere in campo per supportare le PMI in questa fase di emergenza.
 
In allegato i principali articoli e l'intervista al Presidente della Piccola Industria Emilia-Romagna Giovanni Baroni al QN del 28 marzo 2020.
 

 ------------------

 
Confindustria ha costituito una Task force, punto di raccordo tra Confindustria e gli attori istituzionali, che risponde alle esigenze e ai quesiti di tutto il sistema associativo.
 
Le azioni di Confindustria riguardano diversi livelli: dal confronto con i Ministeri competenti per la messa in campo repentina di strumenti fiscali, finanziari e giuslavoristici tesi a minimizzare l'impatto dell'emergenza sul sistema economico italiano, alla collaborazione con la Protezione Civile sino al coordinamento del sistema associativo. 
 
Il 4 marzo Confindustria ha presentato al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte il documento “Assi portanti di azione e reazione all’arretramento dell’economia”, qui allegato.
 
Sul sito https://www.confindustria.it/coronavirus  sono presenti informazioni utili per le imprese, compreso un questionario per valutare l’impatto sulle attività produttive, e un’area riservata al sistema.
 
Una prima analisi degli effetti dell'emergenza sull'economia, realizzata prima dei decreti dell'8 e 10 marzo: https://www.confindustria.it/notizie/dettaglio-notizie/indagine-effetti-Covid-19-imprese-italiane.
 
In allegato la nota del Centro Studi Confindustria del 12 marzo.
 
In allegato il Protocollo tra le parti sociali siglato il 14 marzo, e qui la relativa nota di Confindustria: https://www.confindustria.it/notizie/dettaglio-notizie/Coronavirus-Boccia-fabbriche-servizio-Paese
 
Il 20 marzo Confindustria ha presentato al Governo un documento di proposte per affrontare l'emergenza economica tutelando il lavoro.
 
-----------------
 
Il 4 marzo la Conferenza delle Regioni presieduta da Stefano Bonaccini ha presentato al Governo un documento di proposte condivise con tutte le Regioni. 
 
 
La Regione ha avviato una raccolta fondi per la gestione dell'emergenza sanitaria a favore della Protezione Civile regionale: https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/donazioni
 
Informazioni aggiornate dalla Regione Emilia-Romagna  https://www.regione.emilia-romagna.it/.
 
-----------------
 
Confindustria Emilia-Romagna fa parte del gruppo di lavoro con la Regione Emilia-Romagna che ha elaborato un Vademecum per le imprese per orientarsi nelle procedure di produzione straordinaria di dispositivi medici (DM), tra cui le mascherine chirurgiche, e dispositivi di protezione individuale (DPI). È stato anche redatto un elenco dettagliato dei DM e DPI necessari per gli operatori del Sistema Sanitario Regionale. Al gruppo di lavoro partecipano ART-ER, Società Consortile dell’Emilia-Romagna per la ricerca e l’innovazione, Clust-ER Industrie Salute e Benessere, Tecnopolo di Mirandola e Università di Bologna.
Un esempio di "buona pratica" già avviata:  la produzione di mascherine chirurgiche innovative da parte dell’azienda Nuova Sapi di Reggio Emilia, grazie ad una stretta collaborazione con Unindustria Reggio Emilia, Confindustria Emilia-Romagna, Sanità Regionale, Comune di Reggio Emilia e Tecnopolo Biomedicale di Mirandola.
 
Un altro esempio di "buona pratica":  la produzione di occhiali protettivi e visiere protettive da parte delle aziende Nannini di Reggio Emilia e Raneri di Bologna. Fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo è stata la collaborazione di Valentina Solfrini, Professional Area Farmaco e Dispositivi Medici Regione Emilia-Romagna, il lavoro di networking di Filippo di Gregorio, Direttore Generale di Unindustria Reggio Emilia e il supporto normativo di Giuliana Gavioli, coordinatrice del gruppo di lavoro di Confindustria Emilia-Romagna per le scienze della vita e riferimento tecnico presso il Tecnopolo di Mirandola (MO).