Twitter icon
Google+ icon
YouTube icon
RSS icon

TRAIETTORIA 2030 > LE PRIORITÀ PER LO SVILUPPO: LE RETI INTERNAZIONALI

News

Twitter Linkedin Google+ Condividi

TRAIETTORIA 2030 > LE PRIORITÀ PER LO SVILUPPO: LE RETI INTERNAZIONALI

 

Bologna, 27 dicembre 2019.    Export e internazionalizzazione sono un fattore vincente per l’Emilia-Romagna:  oltre 22 mila imprese esportano, pari al 10% a livello nazionale, con un valore medio di export superiore alla Lombardia e al Veneto.

Le reti internazionali, insieme a capitale umano, imprese e innovazione, benessere economico e qualità della vita, rappresentano le priorità individuate dal progetto TRAIETTORIA 2030.

Il progetto, promosso da Confindustria Emilia-Romagna insieme a tutte le Associazioni Industriali della regione, Ance Emilia-Romagna e Confindustria Ceramica e con la collaborazione scientifica di Prometeia, definisce le priorità strategiche nel medio e lungo termine per rendere l’Emilia-Romagna una regione sempre più competitiva.

«La nostra regione  −  dichiara il Vice Presidente di Confindustria Emilia-Romagna Alessandro Curti  −  presenta diversi punti di forza sul piano delle reti internazionali.  È nella top ten delle regioni europee per dimensione dell’export e la terza tra le principali aree manufatturiere quanto a performance negli ultimi cinque anni. Quasi cinquemila nostre imprese detengono partecipazioni all’estero, mentre circa mille sono partecipate da aziende estere.  I quattro principali settori produttivi (meccanica, moda, agroalimentare, auto e moto) rappresentano il 60% dell’export regionale.»

Ci sono anche alcune aree su cui è necessario porre l’attenzione«Solo il 5% del totale delle imprese emiliano-romagnole  − sottolinea il Vice Presidente Curti −   esporta direttamente.  Le esportazioni sono molto concentrate dal punto di vista geografico, specie in Germania, Francia e USA, mentre il ruolo della Cina  e degli altri nuovi mercati  è minore rispetto alle regioni europee avanzate oggetto dell’analisi.  Il numero di imprese estere partecipate da aziende dell’Emilia-Romagna è inferiore rispetto al Veneto e della Lombardia»

Per questo e per gli altri temi il sistema regionale Confindustria sta definendo una serie di proposte di intervento che saranno presentate ai candidati alle elezioni regionali del 26 gennaio 2020.

 

In allegato i dati completi. Al link   https://www.confind.emr.it/reti-internazionali il video e i materiali di approfondimento

 

DocumentiDimensione
PDF icon COMUNICATO STAMPA161.51 KB
PDF icon FOCUS "RETI INTERNAZIONALI"478.54 KB